Headquarter.

Il nostro patrimonio.

Made in Imola.

Imola, la Città in cui tutto ha avuto origine. Un territorio nel quale Cooperativa Ceramica d’ Imola ha radicato la propria presenza istituzionale e produttiva. Un sito di rappresentanza di grande fascino e cura  (acquistato nel lontano 1922) ove hanno luogo lo Showroom aziendale, il Museo, l’ Archivio storico e la Sezione Artistica ImolArte.

Il nostro Showroom.

Eclettico e multiforme.

Oltre 3.000 mq di esposizione ceramica dove la tradizione e la memoria storica si uniscono ad elementi architettonici contemporanei; esso infatti sorge in un luogo che, nel corso della sua storia aziendale, ha avuto rilevanza dal punto di vista industriale: un sito di produzione di piastrelle fino alla fine degli anni ’90. Partendo quindi da un edificio industriale dismesso, si è deciso di conferirgli una nuova destinazione d’uso, valorizzando e  rivitalizzando l’architettura operando su un sistema progettuale fondato sulla conservazione e nel rispetto della sua identità originaria.

I vuoti in pieni.

Archeologia industriale.

Il concept si basa sull’ idea di rivitalizzare i volumi esistenti, dallo stile industriale, quali travi, lucernai e soffitti alti, ricontestualizzando i “vuoti”, trasformandoli in “pieni”, nei quali emergano la tradizione e la memoria storica (vetrate, lucernai, volte) senza tralasciare l’elemento contemporaneo come catalizzatore di interesse e di attrazione (l’esposizione delle piastrelle). Lo showroom rappresenta quindi un vero e proprio collegamento tra archeologia e industria, ovvero tra passato e futuro. Questo dialogo è tradotto in architettura attraverso l’inserimento di una sequenza di volumi puri nell’edificio preesistente mantenuto inalterato. Nella loro articolazione essi determinano il percorso espositivo in una successione di spazi molteplici. L’impianto planimetrico è definito da due campate che, rispettivamente, sottendono le aree espositive polifunzionali, interattive e marcatamente distinte, volte a valorizzare le specificità e le caratteristiche dei tre Brand dell’ Azienda.

Il nostro Museo.

Oltre 148 anni di vita aziendale.

La ricchezza più grande di Cooperativa Ceramica d’Imola è il suo patrimonio umano che ne costituisce identità stessa, oltre che viva testimonianza storica e culturale. La consapevolezza di questo valore diviene eredità condivisa grazie al ‘Museo-Centro di documentazione storico-artistico G.Bucci’, realizzato a fine anni Settanta. Il Museo racconta oltre 148 anni di vita aziendale in un percorso dove, pezzi unici fatti a mano, fotografie d’epoca, preziosi documenti d’archivio, consentono di  immedesimarsi nella realtà produttiva, sociale e territoriale a cui Cooperativa Ceramica d’Imola da sempre appartiene. Tre sono le sale principali: la sala degli artisti contemporanei, la sala degli autori e la sala delle decorazioni.

In occasione dei 100 anni di produzione di piastrelle, nel 2013 Cooperativa Ceramica d’Imola ha dato nuova veste a dei locali storici, in disuso da anni, con la volontà di creare un vero e proprio percorso emozionale, tra proiezioni video e immagini d’epoca, dove i pezzi da collezione, antichi torni e documenti d’archivio, si fondono con i campioni di piastrelle, dalle prime realizzazioni, ai giorni nostri.

Play Video

La nostra divisione artistica.

Imolarte.

Imolarte è la Sezione Artistica di Cooperativa Ceramica d’Imola. Una vera bottega artigiana, un luogo magico dove gesti, memoria, cultura trasformano ancora oggi, come vuole la tradizione “made in Italy”, un pane d’argilla in un bellissimo vaso. In un contesto così moderno ed industriale, qual è quello di Cooperativa Ceramica d’Imola oggi, la produzione delle maioliche artistiche rappresenta uno spaccato di vita antica dove tutto è come un tempo: mani sapienti che modellano la terra e ne fanno manufatti decorati con pennellate piene ma leggere in un quadro d’ispirazione e gusto settecentesco.

Showroom.

La veste esterna della Sala Mostra è l’elemento che più di ogni altro segna il legame fra la tradizione e
l’aggiornamento dei linguaggi espressivi: l’acciaio corten avvolge le due navate come una veste di nuova ispirazione e allo stesso tempo cromaticamente sensibile al mondo dell’archeologia industriale.

La Sala degli artisti.

Nell’immediato dopo guerra Cooperativa Ceramica d’Imola realizza all’interno della propria Sezione Artistica un vero e proprio laboratorio di sperimentazione nel quale confluisono personalità ed artisti di diversa estrazione, dal calibro internazionale come Bay, Ponti, Pomodoro, Tadini, La Pietra, Mitoray, Tilson e Zauli.

I Fiori di Imolarte.

La tradizione di ImolArte fa rivivere il passato, ricco di forme e motivi ornamentali, nella collezione ‘I Fiori’. Cinque sono le decorazioni principali che celebrano questo tema, assoluto protagonista di vivaci pennellate, brillanti colori, versatili soluzioni estetiche dove la semplicità diventa eleganza.